martedì 9 settembre 2008

Festa di Paniga 2008

La pioggia non ferma la lunga festa a Paniga
Migliaia i pasti serviti, è andata bene anche la camminata

MORBEGNO A Paniga, festa bagnata, festa fortunata. Nonostante un meteo non certo favorevole, la tre giorni retica della “Città del Bitto” ha chiuso con un bilancio nettamente positivo. Graziata dall’acqua venerdì, la kermesse proposta dai ragazzi della Pro loco ha avuto il suo clou nella serata di sabato: «A livello di coperti non solo abbiamo mantenuto il positivo trend 2007, ma si è addirittura fatto qualcosa meglio - ha confermato Massimiliano Paniga del comitato organizzatore -. Solo sabato si è toccata quota 2000, ma saranno state presenti almeno 500 persone in più».

Domenica, gran finale con un pomeriggio all’insegna dello sport che ha di poco anticipato l’ultima saga a base di prodotti tipici e buona musica. «In programma nel pomeriggio - ha aggiunto - vi era la camminata, la possibilità di ridiscendere un tratto del fiume Adda con gommone e l’esibizione dei boscaioli talamonesi».

Pur facendo i conti con un vero e proprio nubifragio, che ha dato tregua solo intorno alle 16, la scaletta è stata mantenuta quasi in toto: «Sono ovviamente saltati i programmi sull’Adda e alcuni giochi per i più piccoli all’interno del campo; tutto il resto si è svolto regolarmente - ha continuato Paniga -. Mentre i fratelli Bianchini di Talamona intrattenevano gli appassionati di legno e motosega nell’apposito spazio sotto i tendoni, circa 60 sportivi si sono invece cimentati sulla sei chilometri tra Paniga e Campovico». I numeri non erano certo quelli della passata edizione (170), ma il livello era forse più alto. Pronti via e davanti a dettare i tempi si è messo il mezzofondista di Nuova Olonio Albertino Barona. Per lui dominio dal primo all’ultimo metro e tempo finale di 21’02” che gli ha permesso di imporsi sul duo griffato Polisportiva Albosaggia composto da Gianluca Cristini- Egidio Ortelli. Nella gara in rosa secondo successo consecutivo per Cinzia Zugnoni che abile nell’avvantaggiarsi sulle dirette avversarie. Medaglia d’argento per Serena Piganzoli e bronzo per la giovane traonese Elisabetta Maestrelli.

Al momento delle premiazioni un riconoscimento particolare è stato assegnato ai primi di Paniga: Corrado Perlini-Eugenia Perlini; al gruppo sportivo più numeroso, Gp Talamona Comosystemi; al concorrente più esperto, Mario Bottà (1932), e a quello più giovane, Luca Moretti (2003).

Tirando le somme, anche senza il sole, quella di Paniga resta una festa che piace: «Sicuramente - ha concluso il portavoce della Pro loco -. Ormai è divenuta un appuntamento fisso non solo per gli abitanti della frazione, ma anche per quelli dei paesi limitrofi. E’ un’ottima occasione per fare festa e trascorrere del tempo in compagnia, ma soprattutto per promuovere e fare conoscere una zona troppo spesso trascurata. Una zona caratteristica e che merita di essere visitata».



Un plauso, dunque, ai ragazzi della Pro loco, quasi interamente under 30, che facendo gruppo sono riusciti a chiudere in bellezza pure l’edizione 2008.

m.to. 
La Provincia di Sondrio, martedi' 9 settembre 2008, pag.19 



Tre giorni di festa a Paniga per sportivi e buongustai
MORBEGNO (m.c.p.) Musica dal vivo, cucina tipica, sport e divertimento anche per i più giovani. Ci sono proprio tutti gli ingredienti per fare della festa della Proloco di Paniga un appuntamento che piace e anche molto, tanto da diventare un’occasione di incontro e di svago per migliaia di partecipanti. Negli ultimi anni l’happening in riva all’Adda (in programma per il 5, 6 e 7 settembre) non ha smesso di crescere tanto che è stato necessario cambiarne la collocazione, passata dal cortile della scuola materna al campo sportivo dove in questi giorni fervono i preparativi della manifestazione più gettonata della proloco di Paniga che ha fatto della valorizzazione del suo territorio la sua mission. Sotto le tre tensostrutture allestite al campo sportivo saranno messi a disposizione 1.200 posti a sedere, ma nella tre giorni di festa sono attese oltre 8 mila persone.

Si parte domani con una serata dedicata al pubblico più giovane. Dopo la cena con pollo fritto, patatine e birra, sul palco ci saranno i Tirlindana e a seguire la band dei “Fegati Spappolati” che presenteranno un repertorio-tributo al grande Vasco Rossi. Sabato sera a cena saranno servizi pizzoccheri e sciatt, mentre in pista si potrà ballare con la musica dell’orchestra Masolini.

Ricco il programma anche di domenica. Si comincia di buon mattino con la tradizionale gara di pesca alla trota, con la collaborazione della società pesca sportiva di Paniga-Desco. Nel pomeriggio ancora l’Adda protagonista. Grazie alla partecipazione dell’Indomita Valtellina River sarà possibile provare l’ebbrezza del kajak o del gommone. Nel campo sportivo si potranno vedere in azione i boscaioli di Talamona. Per gli sportivi anche la camminata con partenza alle 15.45 da Paniga. Il percorso è di 6 chilometri e si snoda lungo la pista ciclabile in riva all’Adda fra Campovico e Paniga. E poi ancora il concorso delle torte e la degustazione dei vini della costiera dei Cech. Per grandi e piccini anche i giochi di abilità e precisione. Il sipario sulla XIX edizione della festa di Paniga calerà domenica sera con la cena sempre a base di pizzoccheri e sciatt e la musica folk di Erica e Andrea.


m.c.p.
La Provincia di Sondrio, giovedi' 4 settembre 2008, pag.20

domenica 20 luglio 2008

2008: IV edizione

Finale incerta
Da non credere: il Bar Paniga dei Paniga vince a Paniga

MORBEGNO Con una finale dall’andamento incerto fino all’ultimo secondo di gara, si è chiuso domenica a Paniga il torneo di calcio a 7 giocatori che ha visto al via 20 formazioni. A trionfare è stata la formazione locale del Bar Paniga, capace nel corso della competizione di superare ostacoli impervi e costituiti in particolare oltre che dal Discopub Jambè anche da due formazioni che annoveravano nelle loro fila giocatori come Nicola Aloisio, Cristian Pellegatti, Cristian Gianoli e Giuseppe Manni.

La finalissima non ha certo tradito le attese e il merito va alle due squadre che si sono sfidate a viso aperto sin dalle prime battute. Dopo un paio di minuti Fabrizio Fascendini, uno dei migliori giocatori del torneo, ha sbloccato il risultato per il Bar Paniga, Prima del riposo è arrivato il pareggio del Discopub Jambè firmato dal giovane e promettente Alex Mattaboni.

La ripresa si è aperta con il sorpasso della squadra di Traona grazie al gol di Massimo Poncetta, ma il finale ha riservato ancora emozioni e il ritorno di fiamma del Bar Paniga.
Luca Peregalli ha trasformato il rigore del pareggio e a 3 minuti dal termine quando cominciava ad aleggiare il fantasma dei tempi supplementari, ci ha pensato Attilio Donadelli con una perfetta girata da dentro l’area di rigore a decidere la sfida segnando la rete del 3- 2 definitivo.

La finalissima è stata preceduta dalla finale per il terzo posto tra Fabbro Falcetti Fiorenzo e Carrozzeria Valeriana. Senza storia il match terminato con il punteggio di 7-0. Le semifinali si erano chiuse con il 2-1 del Bar Paniga a spese della Fabbro Falcetti Fiorenzo, doppietta di Massimo Poncetta, e con il 2-0 del Discopub Jambè sulla Carrozeria Valeriana.

Vanno citati doverosamente anche i giocatori che si sono distinti sul piano individuale tanto da meritarsi dei premi. Innanzitutto, Alex Mattaboni premiato come miglior giocatore del torneo, poi Claudio Brisa della Fabbro Falcetti Fiorenzo che si è imposto nella speciale classifica riservata ai bomber. Il titolo di miglior portiere è invece stato attribuito dagli organizzatori ad Andrea Colombini della Carrozzeria Valeriana. Per il Bar Paniga nessun premio singolo a dimostrazione che si è trattata principalmente e soprattutto di una vittoria del gruppo.

Questa la formazione del Bar Paniga, vincitrice del torneo: Perlini, Mazzolini, Mazzoni, Tarca, Fascendini, Donadelli, Peregalli, Bonesi, Ferrari, Donini, Paniga (Albino, Luca, Massimo). All.: Massimo Paniga.


Mirco Roncasci
La Provincia di Sondrio, mercoledi' 23 luglio 2008, pag.31




CURIOSITA'

Durante il torneo il 16/07/2008 si è inaugurato l'impianto luci del campo sportivo.

Di seguito alcune foto relative:

 

sabato 5 aprile 2008

SS38: osservazioni al progetto

Statale 38, le frazioni dicono la loro
I Comitati di Paniga, Desco e Campovico scrivono alla Provincia le loro osservazioni

MORBEGNO E’ stata inviata direttamente al presidente della Provincia Fiorello Provera la lettera che contiene le richiesta dei cittadini di Campovico e Paniga in vista della realizzazione della nuova Statale 38 (nel tratto Cosio- Tartano). Già informata dei passaggi sinora avvenuti, la Provincia ha ricevuto quindi la sintesi degli elaborati stilati dal Gruppo di lavoro promosso dai Comitati di Frazione di Campovico, Desco e Paniga con l’amministrazione comunale e la cittadinanza che si sono riuniti periodicamente in queste settimane.

Nel ribadire che obiettivo del gruppo «valutare la parte del tracciato che verte sul proprio territorio al fine di trovare la soluzione che abbia minor ricadute sul territorio, ma soprattutto, sulla popolazione residente» gli abitanti delle frazioni morbegnesi segnalano alcuni aspetti sui quali si vorrebbe avviare l’approfondimento.

In sintesi chiedono che «si elimini l’impatto del tracciato sul centro abitato di Campovico (ad esempio: spostamento del tracciato verso nord, abbassamento della quota stradale, prolungamento della galleria anche mediante struttura artificiale mitigata, superamento del Torrente Tovate in galleria…) », e anche che in fase di elaborazione progettuale «vengano predisposte opportune indagini idrogeologiche e geotecniche che considerino con particolare cura la sicurezza in galleria e dei versanti, alla luce degli interventi di messa in sicurezza - attiva e passiva - che già si sono resi necessari» ribadiscono i presidenti dei Comitati di frazione di Campovico e Paniga, rispettivamente, Monica Mantegazza e Raffaele Sciani. I cittadini domandano poi maggiore approfondimento tecnico sulle rampe di accesso e sulle uscite d’emergenza ,e di «approfondire le soluzioni studiate per la mitigazione dell’impatto ambientale dell’opera».

Occhi puntati anche sulle modalità di abbattimento dei fumi della galleria, per ridurre al minimo le possibili negative ricadute sulle case (alla luce anche delle correnti d’aria esistenti). Il gruppo di lavoro poi sottolinea il bisogno di «conoscere le decisioni circa l’area di cantiere e la movimentazione dei mezzi necessari alle diverse fasi di realizzazione dell’opera al fine di studiare opportuni interventi tesi a limitare gli inconvenienti sulla cittadinanza e sulla già fragile viabilità locale».

E infine chiede di attivare un monitoraggio ambientale (acustico e di qualità dell’aria) nel territorio delle frazioni che consenta di valutare oggettivamente la situazione preliminare, durante la fase di cantiere e ad opera completata.


Sabrina Ghelfi
La Provincia di Sondrio, sabato 5 aprile 2008, pag.16