domenica 15 maggio 2011

Inaugurato ufficialmente il Parco della Bosca

Morbegno - Da discarica a parco sovracomunale. Ne ha fatta di strada la Bosca, l'area verde fluviale protetta che si affaccia sull'Adda all'altezza di Campovico, frazione di Morbegno, che ieri pomeriggio è stata inaugurata ufficialmente dagli enti che ne hanno curato la rinaturalizzazione cioè Ersaf (ex Azienda foreste) Comune e Comunità montana. Presenti alla giornata Marco Cesca direttore generale di Ersaf, il dirigente del settore foreste di Ersaf, Enrico Calvo; gli amministratori comunali di Morbegno, il sindaco Alba Rapella con gli assessori Stefano Ciapponi, Cristina Pinciroli e Oreste Muccio, il presidente della Cm, Alan Vaninetti.

«A qualsiasi ora della giornata quando do un'occhiata alla Bosca vedo passare uomini e animali che qui hanno trovato un luogo di ricreazione e di svago, un posto dove fare passeggiate, un punto dove sostenibilità e benessere vanno a braccetto - ha affermato il sindaco Rapella -. Oggi con la sua inaugurazione si è conclusa una parte degli interventi al parco che sarà oggetto di successive qualificazioni e iniziative». Fra queste anche la futura e circoscritta zona di sguinzagliamento dei cani, che oggi hanno l'obbligo di muoversi nel parco solamente tenuti al guinzaglio.



Marco Cesca ha rimarcato l'aspetto della fruibilità della Bosca: «Non è così scontato che un'operazione di rinaturalizzazione come questa vada di pari passo con la fruibilità da parte dell'uomo - ha precisato - in questo caso specifico, invece, è stato ottenuto questo doppio risultato. Morbegno si meritava uno spazio simile che rappresenta il raggiungimento di un obiettivo comune fra Ersaf, gli enti locali e il territorio».

«Un progetto quello della Bosca che ci auguriamo venga preso ad esempio nella programmazione generale del territorio - ha aggiunto Vaninetti - perché fa piacere in un periodo come quello attuale dove l'urbanistica lascia poco spazio al verde, assistere alla nascita e alla crescita di un polmone naturale della città e dei suoi confini». Al termine dei discorsi delle autorità i presenti - miracolati dalla pioggia - hanno potuto godere di una biciclettata nel parco unita a una visita guidata con i tecnici Ersaf, mentre i più piccoli hanno partecipato ai giochi con il personale del museo. Gli altri- sindaco in testa- grazie all'Indomita Valtellina river si sono cimentati in una discesa dell'Adda dimostrando così le diverse possibilità di sfruttamento della Bosca, frutto dei lavori di riqualificazione realizzati da Ersaf attraverso due progetti.

Il primo, "Rinaturalizzazione del fosso di Campovico e creazione di zone umide con finalità didattico-naturalistiche" avviato nel 2008 e concluso nel 2009; il secondo progetto, "Interventi di riqualificazione ambientale nell'ambito di Valtellina 2005: Nuovi Sistemi verdi", iniziativa volta alla formazione di aree verdi fruibili con funzioni sia ricreative sia paesaggistiche e ambientali, finanziato da Regione Lombardia e Provincia di Sondrio, che è stato realizzato nel biennio 2009-2010.

Sabrina Ghelfi



Coinvolti gli alunni della primaria di Campovico 

Tante piccole guide per scoprire il parco

MORBEGNO (s.g.) Un seminario a tema e un cantiere didattico. L'apertura ufficiale del parco della Bosca è stato anche questo. Con l'obiettivo di moltiplicare le offerte tenendo d'occhio l'ambiente, ma anche le esigenze di chi vive sul territorio, coinvolgendo gli agricoltori, le scuole (gli allievi del plesso di Campovico sono diventati le piccole guide della Bosca), i residenti e le associazioni, Ersaf fra giovedì e ieri ha proposto diverse iniziative. Innanzitutto un seminario a tema condotto da esperti del settore al quale hanno partecipato 80 persone. Quindi la visita pomeridiana al parco dove sono intervenute 10 persone.

Venerdì si è tenuto invece il cantiere didattico con 35 partecipanti fra i quali molti e interessati studenti dell'Istituto Agrario di Sondrio. Soddisfatti gli organizzatori e i rappresentanti del Comune. «Per la città, i paesi limitrofi e tutto il comprensorio il parco rappresenta una grande opportunità da molti punti di vista - ha detto l'assessore all'Ambiente di Morbegno Stefano Ciapponi - è un tassello fondamentale nel percorso sulla sostenibilità ambientale iniziato qui a Morbegno, rappresenta poi un'offerta aggiuntiva per i cittadini e il turista, in una posizione strategica, vicino alla nuova area camper, la futura piscina mandamentale e il sentiero Valtellina».

La Provincia di Sondrio, 15 maggio 2011, pag.22

Nessun commento: